Pedri, il più giovane spagnolo di sempre a esordire in una competizione internazionale


Un record non da poco per il giovane talento spagnolo cresciuto ne Las Palmas. Il trequartista del Barcellona, dopo aver giocato un’intera Liga da titolare in uno dei club più importanti del mondo, è riuscito a togliersi un’altra gioia. Luis Enrique, ct della Nazionale spagnola, lo ha schierato dal primo minuto nella partita d’esordio de La Roja di Euro 2020 contro la Svezia. Come riportato da Opta, a 18 anni e 201 giorni, Pedri è diventato così il calciatore più giovane di sempre a esordire in una competizione, tra Europei e Mondiali, della selezione spagnola.

Prima di lui, il record apparteneva a Cesc Fabregas: l’ex Arsenal esordì all’età di 19 anni e 41 giorni nel match contro l’Ucraina del Mondiale 2006 in Germania, finita poi 4-0 per la Spagna. Un primato, quindi, stracciato da Pedri. Un vero predestinato.